Gioc Cocciano Frascati, Mari: “2014 di crescita esponenziale”


La Gioc Cocciano Frascati avrà sicuramente un piacevole ricordo del 2014 che secondo il presidente Andrea Mari “è stato un anno di crescita esponenziale“. Il riferimento principale è per la Scuola calcio del club tuscolano che “ha ottenuto numeri molto importanti nella scorsa stagione e che li ha confermati in questa. L’intento della società di affidarsi a tecnici esperti e qualificati, evidentemente, è stata premiata“. Parlando di settore giovanile, Mari sottolinea un altro dei punti cardini della filosofia societaria della Gioc Cocciano Frascati: “Quest’anno non abbiamo un gruppo Giovanissimi semplicemente perché combattiamo l’idea di “importare” un allenatore e un po’ di atleti al suo “seguito” da altre cittadine limitrofe. Vogliamo lavorare bene sul nostro settore di base e da lì far uscire i gruppi dell’agonistica, tenendo alto il più possibile il numero dei frascatani all’interno delle varie selezioni“.

Sapevamo che per gli Allievi regionali B sarebbe stata dura al primo anno nella nuova categoria e così finora è stato, ma siamo convinti che solo tre o quattro squadre sono di un livello chiaramente superiore, per questo auspichiamo di riuscire a ottenere la salvezza con una buona seconda parte di torneo. Per la Juniores, invece, c’è stata una novità: al timone è andato Cristiano Aceti che è anche il “secondo” di Tiziano Giovannelli nella Seconda categoria. Questo ci consente di lavorare in maniera condivisa tra i due gruppi con l’idea di favorire un salto tra i grandi: nella Juniores ci sono elementi di ottimo valore che potranno rientrare nella rosa della prima squadra nella prossima stagione“.

Prima squadra che sta facendo molto bene ed è seconda ad un punto dall’Atletico Monteporzio: “Abbiamo iniziato con la striscia record di otto vittorie consecutive – ricorda Mari -, ma sapevamo che non si poteva andare avanti con quei ritmi. Ad inizio stagione auspicavamo di arrivare alla pausa nelle prime tre posizioni, quindi siamo più che soddisfatti e crediamo di poterci giocare le nostre carte nel 2015“.

2 gennaio 2015


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here