L’incidente della Valigia delle Indie il 12 gennaio 1902


La Valigia delle Indie è il treno che, dal 1870 al 1914, ha trasportato viaggiatori e corrispondenza da Londra a Bombay (India), attraverso l’Egitto. A causa dei lavori per lo scavo del canale di Suez e grazie all’unità d’Italia, il governo nostrano ha pensato di proporre l’utilizzo del suolo nazionale per la Valigia delle Indie e dal 1862 sono stati attivati i primi collegamenti tra Ancona ed Alessandria con scalo a Brindisi, città ritenuta interessante dal punto di vista geografico dalle autorità britanniche. Il suo primo viaggio ufficiale (con passaggio sul suolo italiano) è datato 25 ottobre 1870.

Una data che non può essere dimenticata è proprio quella del 12 gennaio 1902, giorno in cui si è verificato un incidente a Brindisi: un treno è venuto giù dal ponte del Cillarese e ha fatto sì che l’Italia venisse tagliata fuori dal percorso ferroviario delle Valigia delle Indie. Lo scalo pugliese, come l’intera rete ferroviaria italiana, aveva dei grandi limiti ed era stata costruita in modo approssimato e non adatto alla velocità percorsa da treni come la Valigia delle Indie, che toccava i 100km/h. Ne sono derivati diversi interventi di consolidamento e rischio incidenti e uno risale al 1891, quando un convoglio ha deregliato proprio nel tratto pugliese.

Quel 12 gennaio 1902 il treno cantiere (cinque carri che trasportavanopietrisco e altri dodici vuoti) ha deragliato ed è precipitato nell’avallamento provocato dall’alluvione del dicembre 1901. L’incidente mortale ha causato la morte del macchinista, del fuochista, del frenatore e di un dipendente della ditta veneta che proprio in quel periodo stava lavorando alla costruzione di un ponte in legno in grado di consentire il passaggio del treno dopo che le acque del canale Cillarese avevano asportato un tratto di circa 150 metri di sede ferroviaria. Un incidente che è stato messo in risalto per molto tempo dalla stampa inglese e che ha portato alla decisione di escludere l’Italia dalla tratta Londra-Bombay.

12 gennaio 2015


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here