Municipio I, Esquilino: la rivolta dei cittadini contro il degrado e l’immigrazione


E’ scoppiata nel cuore dell’ Esquilino la rivolta dei cittadini contro il degrado e l’immigrazione. Da quartiere meltin pot a simbolo di abbandono e perdita di controllo da parte delle autorità. Questa è la denuncia spiegata ai giornalisti de Il Tempo, da parte di Augusto Caratelli,  portavoce del “Comitato difesa Esquilino Roma Caput Mundi” e coordinatore dei “Rioni e quartieri ribelli”, durante l’assemblea pubblica di quartiere. “Degrado, illegalità, scarsa sicurezza, sporcizia ed immigrazione selvaggia: oggi parte la ribellione dei cittadini di Roma.Sono mesi che chiediamo a Marino il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per l’Esquilino colpito dal degrado ignorando i cittadini. Ma il disagio e le difficoltà non riguardano solo il nostro quartiere” spiega il portavoce supportato dai cittadini e dai rappresentanti dei comitati di Tor Sapienza, Tor Pignattara, Marconi, Tuscolano, Monteverde, Pietralata presenti alla manifestazione.

Non sono i centri culturali islamici dietro cui “si camufferebbero delle moschee” a creare questo disagio a cittadini, ma le diverse attività commerciali, con venditori illegali di chincaglierie e merce taroccata, i bivacchi di gente seminuda per strada ed i portici trasformati in suk abusivi che fanno da cornice ad uno dei quartieri più belli di Roma.

Ormai il mercato dell’illegalità dell’Esquilino, si prolunga fino al Colosseo dove si è creato un commercio parallelo alle attività commerciali, “ favorito dalla pedonalizzazione voluta dal sindaco Marino” come denunciano i cittadini e scene come quella successa domenica, dove un bengalese è stato sgozzato da un connazionale per una lite tra ambulanti abusivi, rappresentano in peggio la situazione di mancanza di potere da parte delle autorità.

di Federico Purificati

16 febbraio 2015


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here