Convegno Nazionale del FAI, Assessore Marinelli: firmato stamani protocollo intesa tra comune di Roma e FAI per la gestione della Villa di Massenzio

Oggi è in corso di svolgimento il XIX Convegno Nazionale del FAIPer sempre, per tutti. Spunti e proposte per una politica più umana dei beni culturali“. Per l’occasione, oltre alla presenza di tanti ospiti nazionali e internazionali sono presenti il Presidente del FAI Andrea Carandini, il Presidente Onorario del FAI Giulia Maria Mozzoni Crespi il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini e l’assessore alla Cultura e al Turismo di Roma Capitale Giovanna Marinelli, la quale conferma di firmato il protocollo intesa tra comune di Roma e FAI per la gestione della Villa di Massenzio. tanti ospiti nazionali e internazionali.

Presente al convegno anche l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il quale accolto da lunghi applausi e standing ovation  afferma “Sono qui solo per ascoltare e per rinnovare il mio vivissimo apprezzamento per chi come il FAI si occupa della salvaguardia e della valorizzazione del nostro straordinario patrimonio artistico, che è largamente sottovalutato e poco impegnativamente coltivato. Franceschini, considera giustamente uno dei suoi compiti, in ottemperanza con la Costituzione, quello di essere vicino e solidale a chi dal privato dà un contributo alla salvaguardia del nostro ambiente e del nostro patrimonio“.

Il convegno, indetto per raccogliere nuove possibilità per valorizzare sempre più il grande patrimonio artistico e naturalistico del nostro territorio, attraverso iniziative locali è stato aperto dalla Banda dei Granatieri di Sardegna che hanno suonato con le divise della Grande Guerra il Piave e l’Inno d’Italia per celebrare la donazione al FAI di un nuovo Bene: l’area naturalistica del Monte Fontana Secca e Col de Spadaròt, in provincia di Belluno, scenario di una battaglia della Grande Guerra. Per annunciare il nuovo Bene è stato proiettata una sequenza del film di Ermanno Olmi Torneranno i prati dedicato al primo conflitto mondiale e ambientato nelle trincee sul Monte Grappa.

di Federico Purificati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here