Fotografia, Luigi Saccoccia vince il concorso Obiettivo Terra

Luigi Saccoccia vince il concorso fotografico “Obiettivo Terra” con uno scatto del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La foto, che ritrae il borgo di Opi innevato, spicca dalle 10 di stamattina in Largo Giovanni XXIII davanti a Castel Sant’Angelo a Roma, tramite una maxi-affissione.

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, celebrata ogni 22 Aprile, la Fondazione UniVerde e la Società Geografica Italiana Onlus hanno promosso la sesta edizione del concorso fotografico che ha l’intento di difendere e valorizzare il patrimonio ambientale e le singolarità contenute nei parchi nazionali e regionali italiani. “Obiettivo Terra”, inoltre, rappresenta un modo per promuovere le aree protette, le tradizioni locali e il turismo sostenibile e responsabile.

Per la prima volta, afferma Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, “vince uno scatto realizzato in uno dei parchi più antichi d’Italia, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, una best practice in Europa per la tutela di orsi e lupi ma anche un esempio in Italia di come il parco sia riuscito a ridurre lo spopolamento delle aree interne grazie al turismo naturalistico. Tutela vera degli habitat e ecoturismo sono le ricette per la nostra rete dei parchi”.

Al secondo posto lo scatto di Roberto Ganassa che rappresenta il Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi (Lombardia), mentre al terzo posto arriva Maurizio Biasco, con una foto del parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca-Bosco Tricase (Puglia).
In totale sono state inviate foto di 135 diversi parchi, 9 in più rispetto alla precedente edizione. I parchi nazionali più fotografati sono stati quello dei Monti Sibillini (Umbria, Marche) di cui sono pervenute 45 foto, quello dello Stelvio (Lombardia, Trentino-Alto Adige) e il parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise di cui sono pervenute 27 foto. I parchi regionali più fotografati sono il parco del Delta del Po (Emilia Romagna), il parco regionale dell’Appia Antica (Lazio), il parco dell’Etna (Sicilia).

Sono stati inoltre assegnati 10 riconoscimenti per le categorie: alberi e foreste, animali, area costiera, fiumi e laghi e infine paesaggio agricolo. Menzioni speciali per la difesa del suolo (il 2015 è l’anno internazionale Fao dei suoli), energie rinnovabili e smart grids per la sostenibilità (il 2015 è anche l’anno internazionale Onu della luce), Expo 2015 (premio alla foto più bella di un parco lombardo), turismo sostenibile (per l’anno europeo dello sviluppo). Premiate per la prima volta anche le fotografie subacquee, con una menzione speciale fuori concorso per la migliore foto subacquea scattata in un’area marina protetta.

Presente alla premiazione il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, il quale ha annunciato la volontà di portare a Expo 2015 tutte le foto del concorso. “Porteremo all’interno del nostro spazio la biodiversità dei nostri parchi” afferma Galetti “e per 6 mesi sarà la casa della nostra natura”.

di Laura Guarnacci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here