Pasqua e Pasquetta: Roma città d’arte meta preferita dai turisti

Anche quest’anno in occasione delle feste pasquali in molti hanno scelto Roma come meta per le proprie vacanze. Nonostante il tempo non fosse dei più favorevoli, visto la pioggia incessante che ha caratterizzato la penisola nei giorni festivi, sono stati registrati ben 13 mila turisti che non curanti dell’ostilità climatica hanno scelto come tappa romana il Colosseo.

L’anfiteatro romano è stato uno dei luoghi più visitati anche nel giorno di Pasquetta, nel corso della quale grazie anche ad una giornata luminosa in 25 mila hanno scelto di vederlo, mentre un numero inferiore (circa dieci mila) ha optato per la visita ai Musei Civici (1.653 ingressi per i Musei Capitolini) alle Ville ad ingresso gratuito (1.554 ingressi per Villa di Massenzio) e ai Fori Imperiali pedonalizzati per l’occasione. Roma non è l’unica città d’arte e di cultura che vale la pena di visitare, ne sono consapevoli i turisti che hanno scelto Firenze e i suoi Uffizi e il Museo Egizio di Torino recentemente ristrutturato e riaperto al pubblico. Anche queste città così come Napoli, Venezia, Pompei e le altre città d’arte sono state gremite di visitatori stranieri che sembrano aver riscoperto lo storico interesse e passione per l’Italia. Grande ripresa pertanto per le casse italiane, che hanno segnato un notevole rialzo delle prenotazioni degli alberghi e dei mezzi di trasporto al punto che GoEuro ha registrato una crescita del proprio traffico su Roma del 24%. Ma la Pasquetta non è stata solo una corsa ai musei e ai centri storici. Vi sono stati coloro che hanno preferito una giornata “verde” a contatto con la natura: circa 12 mila hanno scelto le attrazioni del Bioparco di Roma, mentre altri hanno preferito organizzare dei pic-nic nei giardini di Villa Ada e Villa Borghese resi ancora più belli dai mandorli in fiore appena sbocciati. Altri ancora hanno preferito fare delle gite fuori porta a Ostia, Fregene e Fiumicino o visitare le miniere della Sardegna e i siti di Monteponi, Porto Flavia, il Museo delle Macchine a Masua e Sos Enattos a Lula. Soddisfatto il ministro Dario Franceschini che riconosce nelle giornate ad ingresso gratuito nei musei un buon incentivo per il turismo, e invita le città che ancora non vi hanno aderito ad unirsi a questa iniziativa ricorrente ogni prima domenica del mese.

Complice di questo boom sono stati sicuramente i trend positivi degli ultimi anni ma stimoli rilevanti sono arrivati soprattutto dai mezzi online che stanno rianimando il settore turismo. Nelle settimane passate, su siti come Groupon, era possibile trovare sconti per le entrate nei musei, e bisogna segnalare anche le numerose app che semplificano la vita dei turisti. La app Apptripper offre una esperienza emozionale attraverso conenuti inediti come immagini e suoni per apprezzare non solo Roma ma anche altre città.

Questi dati positivi combinati all’imminente inaugurazione dell’Expo rappresenano i migliori presupposti affinché la scia positiva per l’industria del turismo continui durante la stagione estiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here