Presentata la guida del circuito archeologico monumentale di Albano

Domenica 12 aprile presso la Sala Nobile di Palazzo Savelli si è tenuta la presentazione della guida del circuito archeologico monumentale di Albano. Il volume, dal titolo “Albano Laziale. Il circuito archeologico monumentale” è stato illustrato dal professor Massimiliano Papini dell’Università La Sapienza di Roma in una Sala Nobile gremita per l’occasione, racchiude in modo dettagliato il patrimonio storico-archeologico della città ed avrà un costo di €15. La guida comprende anche studi sui recenti scavi effettuati nel terreno antistante il Seminario; nel cortile di Palazzo Lercari (sede Vescovile) e i rilievi fatti all’Anfiteatro Romano. “È la prima volta che un unico volume racchiude in modo così dettagliato e diacronico le bellezze storico-archeologiche della nostra città” dichiara l’Assessore all’Ambiente e ai Musei Civici Claudio Fiorani che aggiunge: “Si tratta di un importante risultato che va a completare le informazioni presenti sui pannelli presenti nei siti di interesse storico archeologico. Questa guida” conclude Fiorani “è frutto di un grande lavoro di cui ringrazio, in particolare: la dott.ssa Giuseppina Ghini, funzionario della Soprintendenza ai beni archeologici del Lazio, la direttrice scientifica dei Musei Civici di Albano Laziale Daniela De Angelis che ha curato il volume; la dott.ssa Alexandra Busch, responsabile per il DAI del “Progetto Albano”, la dott.ssa Silvia Aglietti co-coordinatrice del progetto e responsabile della cura redazionale, i tanti ricercatori che hanno contribuito come autori e Davide Del Miglio che ha curato l’impaginazione e la grafica del volume”. Anche il Sindaco di Albano Laziale Nicola Marini ha voluto sottolineare l’importanza della guida: “Mi ha fatto molto piacere leggere le parole della soprintendente ai beni archeologici del Lazio, Elena Calandra, la quale ha evidenziato come Albano è una città che merita di essere apprezzata sempre di più. Non posso che esserne d’accordo” continua il Sindaco “infatti l’intento della guida è proprio questo: avere una compagna di viaggio per approfondire la conoscenza delle nostre bellezze. Uno strumento che al tempo stesso conserva sia il carattere divulgativo che scientifico. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato alla sua stesura”.

di Laura Guarnacci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here