Tutti i reati che verranno perdonati dal Fisco

Dal 2 aprile scorso non sono previste multe o condanne per una serie di reati fiscali considerati “minori”: si tratta dell’effetto della riforma del Codice Penale, dunque chiunque non abbia pagato le tasse per un errore del commercialista o per distrazione verrà perdonato dall’Agenzia delle Entrate.

La riforma prevede la non punibilità di quei resti per cui c’è una pena pecuniaria o detentiva che non supera i cinque anni. C’è già chi parla di “condono fiscale” e di “mano tesa all’evasione”, difficile immaginare cosa potrebbe accadere ora, ma cerchiamo di capire meglio quali sono questi reati “perdonati”.

Non saranno più punite la dichiarazione infedele (secondo la legge penale finora era prevista la reclusione da 1 a 3 anni), l’omessa dichiarazione, l’occultamento o la distruzione dei documenti contabili (reclusione finora da sei mesi a cinque anni), l’omesso versamento di ritenute certificate e di Iva, l’indebita compensazione, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti e altri casi simili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here