Emergenza rifiuti, Fabrizio Santori: “Il Sindaco Marino riesce a gioire di fronte all’incuria dei parchi”

WCENTER 0TIICIRHDM daniela posocco ag toiati roma ospedale gemelli l assessore santori in visita alla coppia di anziani che il quindici agosto sono stati derubati da finti assistenti sociali

In merito all’emergenza rifiuti nelle aree verdi romane, il Consigliere Regionale del Lazio, Fabrizio Santori: “Il Sindaco Ignazio Marino riesce e a gioire di fronte all’incuria dei parchi periferici della Capitale“, secondo quanto ha dichiarato.

Nella sua nota, pertanto, Santori spiega: “Mentre la Capitale è ormai impantanata nel degrado più torbido, al Dipartimento Tutela ambientale di Roma Capitale basta poco per rallegrarsi. Ad addolcire la pillola, che i romani fanno fatica ad ingoiare, è il lieto annuncio della fioritura della vaniglia, dopo 40 anni, nelle serre del Servizio Giardini. Un avvenimento che certamente farà godere il personale e alcuni esperti di botanica di profumi inebrianti, ma che, immagino, non abbia alcun impatto positivo nel quotidiano dei cittadini continuamente alle prese con lo stato di abbandono e degrado totale del verde in cui versa Roma. Se il sindaco Marino e colleghi riescono a gioire anche di fronte all’incuria dei parchi periferici della Capitale, alle aree gioco per bambini insicure e sporche, alle ville storiche svalorizzate e invase di sterpaglia, alla mancata manutenzione degli alberi che cascano come foglie in autunno, a un regolamento verde urbano fermo da 3 anni, alla totale assenza di una politica ambientale, a piste ciclabili malridotte e trappole per i passanti, all’emergenza rifiuti che minaccia costantemente le condizioni igienico – sanitarie della Capitale, se non basta tutto questo a risvegliare il senso civico del primo cittadino e della sua amministrazione capitolina ci viene il dubbio che oltre alla vaniglia sia fiorita anche qualche altra pianta dagli effetti allucinogeni“. Concludendo così il suo appello Fabrizio Santori.

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here