Il 21 maggio è la Giornata mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo


Oggi 21 maggio si celebra la Giornata mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo, proclamata dalle Nazioni Unite nel 2002 a seguito dell’adozione da parte dell’Unesco della Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale.

Quest’anno la Giornata assume un significato particolare, in quanto si iscrive nel più ampio contesto dell’Anno
internazionale del riavvicinamento tra le culture, durante il quale, come dichiara il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon “si renderà omaggio alla diversità culturale e si mostrerà come la comprensione e il dialogo interculturali siano essenziali per la realizzazione di un mondo più pacifico. Inoltre, sarà sottolineato il ruolo fondamentale che la cultura gioca nell’ambito dello sviluppo”.

L’obiettivo della Giornata è l’esaltazione dell’eterogeneità culturale nel mondo, risorsa importante da preservare e valorizzare. Solo la diversità culturale può generare idee nuove, collaborazione tra gli uomini, può favorire il dialogo e lo sviluppo sociale. Ed è proprio questo il messaggio lanciato dall’Unesco agli abitanti di tutto il mondo, invitati a combattere i pregiudizi e l’omologazione, avvicinandosi con curiosità alle altre culture con azioni concrete, semplici gesti quotidiani come ascoltare musica di un altro Paese o cucinare un piatto tradizionale di un’altra cultura o imparare un proverbio tipico o un saluto.

“La diversità culturale stimola la creatività” ha dichiarato Irina Bokova, direttore generale dell’Unesco “investire in questa creatività può trasformare le società. È nostra responsabilità sviluppare l’istruzione e le competenze interculturali nei giovani per sostenere la diversità del nostro mondo e imparare a convivere in pace, tra lingue, culture e religioni diverse, per portare avanti il ​​cambiamento”.

 


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here