Alberi caduti a Roma, Visconti (Movimento Capitale): “Sfiorate due tragedie in una settimana, vergogna ambientale”


Il pino di oltre 20 metri che ieri sera si è abbattuto lungo la camminata di via Garibaldi al Gianicolo, fa il paio con l’enorme platano che solo pochi giorni fa è caduto in viale Regina Margherita. Si allunga così la lista degli alberi caduti a Roma, da Ponte Tazio a via dei Quattro Venti, da Lungotevere a villa Ada e che sta riguardando strade, parchi e ville storiche di tutta la città. Durissima la reazione del presidente di Movimento Capitale Marco Visconti, già responsabile dei rapporti politici dell’Assessorato all’Ambiente di Roma Capitale al tempo dell’ex assessore e omonimo Marco Visconti, che attacca: “Si tratta della seconda tragedia sfiorata nell’ultima settimana. L’assessore Estella Marino e il sindaco non stanno mostrando alcuna sensibilità verso un problema che non è soltanto più di natura ambientale ma che ha già seriamente coinvolto la sicurezza dei cittadini romani. Il fatto che molte piante siano a fine ciclo vita” prosegue Visconti “non può più essere una giustificazione, ma rappresenta anzi un’aggravante. Mai come oggi gli operatori del Servizio Giardini sono stati abbandonati senza mezzi né strumenti, e con addosso la spada di Damocle di un possibile dimezzamento degli stipendi. D’altra parte” ribadisce Visconti “non risulta che ci siano fondi a disposizione per le manutenzioni, in presenza delle quali la maggior parte di questi crolli sarebbero stati evitati. Davanti a questa vergogna ambientale” conclude a Roma sono scomparse anche le associazioni, pronte a puntare il dito durante la passata legislatura e che oggi invece latitano proprio come sindaco e assessore, che colposamente continuano a distruggere la capitale”. Intanto in via Garibaldi si è appena concluso l’intervento della squadra emergenze del Servizio Giardini diretta da Claudio Maggi, che ha provveduto alla rimozione del grosso pino e alla potatura e dunque alla messa in sicurezza di altri 7 pini adiacenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here