Michael Jackson, il re del pop, è morto il 25 giugno 2009

https://reflectionsonthedance.files.wordpress.com/2011/07/stagepose.jpg
https://reflectionsonthedance.files.wordpress.com/2011/07/stagepose.jpg

Michael Jackson, nato il 29 agosto 1958 a Gary da Katherine Esther Jackson e Joseph Walter Jackson, è stato un cantautore, coreografo e ballerino statunitense. Soprannominato il re del pop, è entrato nel Guinnes dei Primati grazie all’enorme successo ottenuto, che gli ha permesso di vendere più di un miliardo di dischi. Jackson ha vinto 13 Grammy Awards, incluso il prestigioso Grammy Legend Award e numerosi altri premi, che lo hanno reso l’artista più premiato nella storia della musica.

Sin da piccolo Michael Jackson ha messo in mostra grandi doti e, infatti, ha iniziato ad esibirsi durante le recite alla scuola materna. La sua carriera è iniziata con i Jackson Five, il gruppo di famiglia, quando aveva solo cinque anni. Ma il suo successo è stato inarrestabile: i suoi video musicali e le sue canzoni hanno completamente rivoluzionato il modo di concepire la musica. Thriller è l’album più venduto della storia della musica e ha vinto ben 8 Grammy. Nonostante gli album successivi, come ad esempio Bad, Dangerous e Invincible, non abbiano ottenuto lo stesso successo, la sua vocalità e la sua immagine hanno continuato a far breccia nel pubblico, che l’ha sempre seguito. Michael Jackson è stato celebre per tutta la sua carriera per il proprio stile di danza, che ha generato migliaia di imitatori (fu lui a lanciare il moonwalk nel 1983, e anche se lui stesso affermò più volte di aver preso spunto dai ragazzi dei ghetti, quella mossa ancora oggi viene associata al re del pop) . Alcuni passi inventati da Jackson risalgono già al periodo con i Jackson 5 nei locali di Gary, sua città natale, e in seguito perfezionati.

Michael Jackson è stato molto attivo durante tutta la sua vita anche nelle attività di beneficenza; nel corso degli anni ha visitato orfanotrofi, ospitato malati terminali nel suo Neverland Ranch e ha aiutato questi ultimi a guarire dalle proprie malattie con cure a sue spese, spesso riuscendoci. Poco nota è anche la propensione del cantante nell’aiutare chiunque fosse in difficoltà o in condizioni di povertà, tanto che secondo il Guinness World Records ha donato 400 milioni di dollari in beneficenza.

In quello che sarebbe stato il suo 52º compleanno il 29 agosto 2010, Michael Jackson è diventato l’artista più scaricato di tutti i tempi

Negli anni il cantante è stato al centro di problemi giudiziari e di numerose polemiche in merito alla sua vita privata, in parte da lui stesso sollevate dopo l’uscita del documentario biografico Living with Michael Jackson e delle quali ha risentito anche la sua produzione artistica. Nel 2008 è stata commercializzata Michael Jackson. The ultimate collection, sintesi del suo percorso musicale a 25 anni di distanza dall’uscita di Thriller. Nel 2009 è uscito postumo il film documentario This is it, che raccoglie il materiale registrato dal cantante nei giorni precedenti alla sua morte durante le prove per l’imminente stagione di concerti in programma a Londra. Nel 2012, a venticinque anni dalla pubblicazione di Bad,  è stata commercializzata sotto il titolo Bad 25 l’edizione speciale dell’album.

Il 25 giugno 2009 ha avuto un malore nella sua casa a Los Angeles. Secondo la ricostruzione, non avendo dormito la notte, il dottor Murray gli ha somministrato un anestetico, per poi rimanere in stanza da solo nonostante la mancanza di una pompa d’infusione, obbligatoria per la somministrazione regolare del farmaco. Tornato nella stanza Murray ha iniziato a praticare una rianimazione cardiopolmonare, ma non ha avuto alcun effetto. L’arrivo dei paramedici non è stato tempestivo e questo perché i soccorsi non sono stati chiamati tempestivamente. I tentativi di rianimazione sono stati nulli e Michael Jackson è stato dichiarato morto alle ore 14:26. Secondo l’autopsia l’eccessiva somministrazione di Propofol ha causato la morte.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here