Roma Capitale la città con un altissimo numero di incidenti stradali.


Un vero e proprio bollettino di guerra il numero degli incidenti stradali mortali sulle strade italiane. I dati sono riportati nel “Primo Piano” della rivista Poliziamoderna, realizzata in collaborazione con la Polizia stradale basandosi sui dati presi da Polizia di Stato e Carabinieri. In Italia sono in aumento le vittime: 972 nei primi 7 mesi del 2015, 952 nello stesso periodo del 2014. Un segnale negativo rispetto al trend virtuoso che aveva caratterizzato il periodo che va dal 2001 al 2013. La sicurezza in auto viene penalizzata da comportamenti scorretti alla guida: eccesso di velocità, abusi si alcol e droghe, colpi di sonno ed uso della tecnologia alla guida. Al limite della legalità c’è chi addirittura scatta selfie e gira video mentre è alla guida della propria vettura. Si è constatato purtroppo che la cintura di sicurezza, soprattutto nei sedili posteriori, è di frequente un optional. Roma è tra le città dove si registrano più comportamenti scorretti, e a parlare sono i numeri degli incidenti stradali, una vera e propria guerra con morti e feriti che si consuma ogni giorno sull’asfalto delle strade romane.

Se si analizzano i dati dell’Istat e della Polizia locale di Roma Capitale non ci sono dubbi: guidare una macchina, un motociclo o una bicicletta a Roma significa mettere la propria vita a rischio. I dati non migliorano se si decide di andare a piedi: il tasso di mortalità dei pedoni romani e laziali è tra i più alti d’Italia. I numeri sono terrificanti: l’Istat nel 2012 ha contato 15.782 incidenti nella Capitale, di cui 145 mortali, con 154 morti e 20.670 feriti. In media ogni 100mila abitanti ci sono 598 incidenti, con 5,8 morti e 783 feriti. Nel 2013 tra gennaio e giugno, in base ai dati della Polizia locale, a Roma ci sono stati 35.504 incidenti con 4.191 motocicli, 94 biciclette e 1.071 pedoni coinvolti. Oltre alla terribile scia di dolore che si portano dietro questi incidenti, essi sono un vero e proprio lusso per la sanità romana: si stima infatti che per le loro conseguenze si spenda una cifra che si aggira intorno ai 1,3 miliardi.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here