Rugby, Eccellenza: Fiamme Oro spazzano via Piacenza, Lazio ancora ko con Rovigo

Con sei mete alla neopromossa Lyons Piacenza, le Fiamme Oro Rugby cancellano la delusione del derby e vincono 48-7 il secondo impegno del campionato di Eccellenza. Serviva una risposta forte e così è stato, soprattutto in difesa, dove la squadra di Eugenio non ha mai sofferto, ma anche nella disciplina.

I Cremisi partono subito forte e dopo due minuti sono già in meta con Simone Marinaro, poi il neozelandese Thomas Halse si fa perdonare la mancata trasformazione della meta e centra i pali con un bel drop dopo altri 4′. Al 17’ le Fiamme Oro vanno di nuovo in meta, con un’azione fotocopia della prima, con Mirko Amenta sul lato destro del campo. I padroni di casa mantengono saldo nelle mani il pallino del gioco e al 20’, dopo una bella azione alla mano iniziata da Giovanni Massaro, arriva il tris di Simone Marinaro. E in chiusura di prima frazione arriva la meta-bonus con Gianmarco Duca per un 32-0 senza storia. Nella ripresa sono ancora le Fiamme Oro a dominare: al 9’ Lorenzo Favaro segna la quinta meta, ma al 12’, su una disattenzione della difesa, Troy Nathan trova il buco giusto e segna l’unica meta piacentina della giornata. Maicol Azzolini, che nel frattempo ha rilevato Tom Halse, centra i pali due volte dalla piazzola al 27’ e al 37’, poi nel finale arriva la sesta meta cremisi con Matteo Gasparini. “Ai ragazzi prima del match – ha detto coach Eugenio Eugenio avevo detto che il titolo da dare a questa partita sarebbe dovuto essere ‘Risposte’, per riscattare l’opaca prestazione fatta contro la Lazio. Sapevo che la mia squadra non era quella vista all’Acqua Acetosa e oggi, posso dire, che siamo riusciti a concretizzare quanto abbiamo costruito durante la gara. Certo, la strada è lunga e, soprattutto, non dimentichiamoci che siamo una squadra che dallo scorso anno è cambiata molto. Ma sono molto fiducioso per il futuro”. E venerdì prossimo sfida importante contro Viadana in trasferta.

Ancora nulla da fare per la Lazio, che al Battaglini perde 46-14 contro il Femi-Cz Rovigo in un incontro anche qui davvero senza storia. Dopo la prima marcatura al 3′ dell’ala Francesco Menon, la reazione della Lazio arriva al 25′ quando dopo ripetute azioni nei 22 avversari del XV biancoceleste arriva l’espulsione temporanea di Ruffolo del Rovigo. Al XV guidato da Pratichetti e Coppeto manca però concretezza nel momento topico del match non riuscendo a marcare punti in superiorità numerica. Al 29′ errore dalla piazzola per Luca Calandro che non riesce a centrare i pali per accorciare le distanze nel punteggio. Negli ultimi dieci minuti della prima frazione di gioco le tre mete realizzate dai padroni di casa scavano il gap decisivo,i rossoblu dimostrano in maniera perentoria di essere squadra cinica e ben organizzata. Nella seconda frazione di gioco i padroni di casa consolidano il vantaggio marcando altre tre mete rispettivamente al 41′ con Van Niekerk, al 68′ grazie ad una rolling maul concretizzata da Matteo Ferro ed al 78′ dal veterano Peter Pavanello. I biancocelesti riescono ad accorciare le distanze grazie ad una rolling maul nei ventidue metri veneti concretizzata dal terza linea Giacomo Brancoli e trasformata successivamente da Luca Calandro. Anche l’ultimo squillo è della Lazio: sul finire di tempo all’80’ è Simone Romagnoli a bucare la linea di difesa avversaria e a schiacciare sotto i pali. Soddisfatto comunque il presidente Biagini: “Non era certo questa la partita che dovevamo vincere ad ogni costo. Peccato per qualche errore di troppo da parte nostra, evitandolo avremmo potuto limitare il pesante gap nel punteggio. C’è comunque una grande differenza di organico tra le due squadre e si è visto in campo. E’ andata bene la tenuta mentale e la combattività della squadra anche dopo il pesante svantaggio, è sicuramente la strada giusta per il prosieguo della nostra stagione”.

 

FEMI-CZ ROVIGO v IMA LAZIO 46-14 (27-0)

Marcatori: p.t. 7′ c.p. Mantelli (3-0), 11′ m. Menon non tr. (8-0), 34′ m. Lubian E. (13-0), 38′ m. Frati tr. Mantelli (20-0), 40′ m. Maran tr. Mantelli (27-0); s.t. 41′ m. Van Niekerk tr. Mantelli (34-0), 52′ m. Brancoli tr. Calandro (34-7), 68′ m. Ferro(39-7), 78′ m. Pavanello tr. Mantelli (46-7), 80′ m. Romagnoli tr. Calandro (46-14)
Femi-CZ Rovigo: Mantelli; Lucchin, Majstorovic, Van Niekerk (cap), Menon (49′ Pavanello); Chillon (52′ Basson), Frati (52′ Bronzini); Zanini; Lubian E., Ruffolo (41′ Bernini); Parker (41′ Ferro), Maran (63′ Ruffolo) (75′ Maran); Pepoli (63′ Bordonaro), Silva (49′ Silvestri), Balboni (49′ Quaglio).
all. Frati
IMA Lazio: Giangrande; Rigo, Giacometti, Lo Sasso, Giancarlini (41′ Musso); Calandro, Martinelli (69′ Bonavolontà); Ymaz (59′ Damiani); Filippucci (cap) (69′ Romagnoli), Brancoli; De Lorenzi, Fratalocchi (55′ Pierini); Rochford (59′ Bolzoni), Lupetti (49′ Cugini), Di Roberto (52′ Pettinari). all. Pratichetti
arb.: Roscini
Cartellini: 26′ pt. giallo a Ruffolo (Femi-CZ Rovigo)
Calciatori: Mantelli (Femi-CZ Rovigo) 5/8; Calandro (IMA Lazio) 2/3
Note: giornata mite e soleggiata, campo in buone condizioni. Circa 1100 spettatori. Prima del fischio d’inizio, come da tradizione alla prima partita casalinga, il capitano della FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta ha posto un mazzo di fiori sul monumento dedicato a Mario “Maci” Battaglini.
Punti conquistati in classifica: Femi-CZ Rovigo 5; IMA Lazio 0
Man of the Match: Lubian E. (Femi-CZ Rovigo)

FIAMME ORO RUGBY v SITAV RUGBY LYONS PIACENZA 48-7 (p.t. 32-0)

Marcatori: p.t.: 2’ m. Marinaro (5-0), 6’ drop Halse (8-0), 14’ c.p. Halse (11-0), 17’ m. Amenta tr. Halse (18-0), 20’ m. Bacchetti tr Halse (25-0), 41’ m. Duca tr Halse (32-0); s.t. 49’ m. Favaro (37-0), 52’ m. Nathan tr. Nathan (37-7), 67’ c.p. Azzolini (40-7), 77’ c.p. Azzolini (43-7), 78’ m. Gasparini (48-7)

Fiamme Oro Rugby: Sapuppo, Seno, Di Massimo, Massaro (38’ Gasparini), Bacchetti, Halse (58’ Azzolini), Marinaro (58’ Parisotto), Amenta, Favaro (53-54′ Marazzi), Zitelli, Cazzola (64’ Mammana), Duca , Di Stefano (47′-79’Ceglie), Vicerè (53’-79′), Cocivera (47’ Naka)

all. Eugenio

Rugby Lyons Piacenza: Thrower (50’ Cammi), Bruno, Subacchi, Forte (70’ Gherardi), Boreri, Nathan, Rivetti (62’ Colpani), Ward, Cornelli (41’ Bance), Ferrari (70’ Carloni), Mahu, Baracchi (52’ Chiappini), Staibano, Cocchiaro (52’ Daniele), Ferri

all.Bertoncini

arb.: Boaretto

Calciatori: Halse (Fiamme Oro), Azzolini (Fiamme Oro) 2/3, Nathan (Lyons) 1/1

Note: Spettatori 500 ca., man of the match premiato dall’amasciatore della Nuova Zelanda presso la Repubblica italiana, John Patrick Rata

Punti conquistati: Fiamme Oro 5, Piacenza 0

Man of the match: Matteo Zitelli (Fiamme Oro)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here