Lazio, adesso serve il cambio di marcia. Bilancio 2015 ok con ricorso a Ias 18

La Lazio deve invertire la rotta per riprendere la giusta via. Lotito ricorre allo Ias 18 e chiude il bilancio 2015 in attivo

La Lazio guidata di Pioli adesso non può più sbagliare. Al rientro dovrà ritrovarsi perché uno scivolone è ammesso, ma la squadra sembra in caduta libera e non dà segni di ripresa. Tanti i fattori che remano contro i biancocelesti: Supercoppa e preliminare di Champions League sembrano aver minato le certezze della squadra che l’anno scorso aveva sorpreso per entusiasmo e gioco, la difesa ancora non trova stabilità e l’assenza di De Vrij si fa sentire più che mai.. Ecco allora che diventa obbligatorio riscattarsi a partire dalla sfida di domenica contro il Palermo, che dovrà segnare un nuovo inizio per una formazione che al momento sembra persa.

Dopo le voci di un possibile addio di Onazi, Laziopress.it ha intervista l’agente del nigeriano, Makinwa, che ha dichiarato:

“Rispetto a queste voci non so cosa dirle, non c’è niente di vero. Eddy adesso è concentrato al massimo sulla Lazio e fare bene. Lo ha dimostrato ogni volta che ha avuto la possibilità, giocando bene sia in campionato che in Europa, e lui è molto contento per questo. Poi si sa, anche per me quando giocavo era lo stesso, ogni calciatore vorrebbe giocare di più, ma per adesso quello che posso dire è che parlare di un suo addio è molto prematuro”.

Ma alcuni pezzi pregiati della Lazio fanno gola ad altre squadre e su tutti c’è Biglia, centrocampista promosso capitano in estate sul quale ci sono anche Real Madrid e Inter. I primi sarebbero pronti ad offrire 30 milioni di euro a Lotito, mentre i secondi, che già potrebbero provarci nella sessione invernale di calciomercato, metterebbero sul piatto 20 milioni e Ranocchia.

Intanto Lotito – come riportato da Il Sole 24 Ore – ha sistemato il bilancio 2015 della Lazio ricorrendo allo Ias 18, un principio contabile utilizzato da società quotate in Borsa e che ha permesso di inserire negli introiti della passata stagione i ricavi ottenuti grazie alla partecipazione alle competizioni europee della stagione in corso.

Dopo le spiegazioni chieste dalla Consob, la Lazio ha risposto che “la società ha maturato definitivamente, alla data del 30 giugno 2015, un diritto a ricevere somme per il solo fatto di essere stata ammessa alle competizioni europee, diritto che non è condizionato, né correlato all’esito delle partite che si svolgeranno nell’ambito delle competizioni europee 2015-2016, bensì ai risultati conseguiti nel campionato domestico 2014/2015“. Inoltre, aggiunge il club di Lotito, “tenuto conto del principio della correlazione tra costi e ricavi definito dallo Ias 18, la società ha puntualmente iscritto anche gli oneri rivenienti dai bonus riconosciuti ai calciatori per i risultati di piazzamento e qualificazione alle competizioni europee“.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here