Roma, Spalletti: “Ragazzi sfortunati, ma il pubblico ha capito”

As Roma 17/01/2015 - campionato di calcio serie A / Roma-Hellas Verona / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Luciano Spalletti

E’ un Luciano Spalletti comunque soddisfatto della sua Roma, nonostante il 2-0 interno subìto dal Real Madrid. “Il pubblico della Roma è abituato a vedere grandi giocate, grandi calciatori e grandi partite. Sanno benissimo quando fischiare e quando invece applaudire. Stasera hanno visto lo sforzo dei ragazzi e la sfortuna nei premi ricevuti”, dice a Mediaset Premium. E analizza la partita: “I presupposti si erano creati, loro sono stati bravi. Quando gli concedi un metro lo fanno diventare un chilometro. Noi non siamo stati altrettanto bravi a concretizzare quel metro in più che avevamo. E’ un problema che abbiamo quello di retrocedere sempre troppo. Anche nel secondo gol dovevamo raddoppiare prima. Siamo un po timorosi, tante volte non riusciamo a soffocare quando ripartiamo quando rimaniamo bassi con il centrocampo. Non riusciamo ad essere equilibrati nella lunghezza del campo”.

Ma ci sono margini di miglioramento: “Nel primo tempo abbiamo fatto una grande partita, abbiamo sbagliato a gestire i palloni a centrocampo. C’era la possibilità di tenere palla, non essendo una squadra. Magari non andavamo a sforare, ma nello stesso tempo gestire il pallone. Se diamo il pallino in mano a loro, visto che in difesa concediamo ancora qualcosa, loro poi fanno male. Una volta che loro sono passati in vantaggio abbiamo forzato un pochino di più. Poi si sono messi un po’ più comodi. E’ chiaro che c’è da lavorare, sono stati abbastanza bravi. Siamo sulla strada giusta”.

Guai però a dire a Spalletti che è un problema fisico: “Perché se ai giocatori gli si va a toccare il lato fisico, diventa difficile parlare di altre cose. Alibi, è brutto. Ai miei calciatori non glielo posso dire. Io gli posso dire, come ho già detto, che hanno la possibilità di far vedere che sono bravi come il proprio dirimpettatio. Se tante volte proviamo ad andare a prendere, sbagliano il primo passaggio. E’ chiaro che c’è da fare, parto sempre dalla tattica”.

E Spalletti, in conferenza stampa, evita polemiche con l’arbitro: “I presupposti per fare una buona partita c’erano. Un’opportunità così ci vuole del tempo perchè ti ricapiti. Noi abbiamo preso anche delle sonore sconfitte e per rimarginare ci vogliono prestazioni contro queste squadre. Il rigore non loso, non mi interessa. Questo arbitro l’ho avuto anche con lo Zenit è un buon arbitro. Non commenterò mai gli arbitri, perchè non dipende da me. Devo badare al mio lavoro e questa sera dovevamo fare qualcosa di più”.


1 COMMENTO

  1. […] L’articolo Roma, Spalletti: “Ragazzi sfortunati, ma il… […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here