Caso Muraro, Raggi: “Attendiamo le carte e prenderemo decisioni conseguenti”

Caso Muraro, Raggi: "Attendiamo di vedere le carte e prenderemo le decisioni conseguenti, su questo siamo sempre stati coerenti"

Si parla da mesi del caso Muraro e oggi l’assessore all’Ambiente è stata ascoltata dalla commissione Ecomafie insieme alla sindaca Raggi, dove è emerso che l’ex consulente AMA è iscritta nel registro degli indagati dal 21 aprile e che la comunicazione è stata effettuata lo scorso 18 luglio, un paio di settimane dopo la sua investitura in Campidoglio. La stessa Muraro ha dichiarato di essere a conoscenza “di un 335 art.256 comma 4” per il reato di attività di gestione dei rifiuti non autorizzata.

Nessun avviso di garanzia, ha sostenuto l’assessore, affermando che la sua risposta ai giornalisti è stata sempre precisa:

“La domanda che fanno i giornalisti è “hai avuto un avviso di garanzia?” e io un avviso di garanzia non l’ho avuto”.

In merito alla vicenda è intervenuta anche la sindaca, consapevole del fascicolo aperto nei confronti della Muraro da luglio, come il direttorio del M5S (Carla Ruocco, tuttavia, ha smentito di essere a conoscenza della vicenda giudiziaria), che ha detto che per ora “è improprio parlare di reato: io non so quali i fatti contestato a Muraro e non so i periodi. l’unico che conosce tutto il fascicolo è il pm e nessuno ha il potere di andarli a vedere. Attendiamo di vedere le carte e prenderemo le decisioni conseguenti, su questo siamo sempre stati coerenti”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here