Una mostra di zoologia fantastica: Borges, bestie, carte…


Maurizio Quarello, tra i più affermati illustratori a livello internazionale ha dedicato al Manuale di Zoologia fantastica, pubblicato da Jorge Luis Borges e Marguerita Guerrero nel 1957, un’ampia raccolta di tavole a matita. Queste tavole, sapientemente trasformate in pop-up da Luigia Giovannangelo, sono in mostra fino al 31 marzo presso il nuovo spazio espositivo della Biblioteca Nazionale centrale di Roma; dove il piacere della lettura si combinerà al fascino dell’illustrazione d’arte. Il Manuale di Zoologia è uno dei testi fondamentali della letteratura fantastica del Novecento. Già la mitologia classica ci offriva un discreto repertorio di fantasie dal quale attingere, tramandato nei secoli dalle tradizioni medievali fino alla recente fantascienza, al genere fantasy, al vastissimo mondo del fumetto ai prodotti horror da cineteca. L’arte visiva non si è mai tirata indietro di fronte alla rappresentazione di questi scenari dell’immaginazione umana. E’ così anche per il maestro Querello che si lascia ispirare da Borges e dal suo manuale. Le matite su carta sono datate 2013 e provengono da collezioni private, dall’artista stesso e dalla Galleria Tricromia di Roma e suscitano molto stupore per la maestria tecnica del disegno ma anche per la particolarità, offerta dalla tridimensionalità, in un recupero del pop-up, normalmente utilizzato ad esempio nei libri per bambini. L’invito a tornare bambini viene dall’artista stesso che invita a tracciare segni sul muro nell’apposito children’s corner, in un nuovo tentativo di interattività tra arte esposta e visitatore. L’evento è organizzato da Coop Culture.

Luogo: Biblioteca Nazionale centrale Vittorio Emanuele II, Viale Castro Pretorio 105, 00185 Roma

Orari: dal lunedì al venerdì 10:30 – 17:00. Sabato 10:00 – 13:00. Domenica chiuso.

L’ingresso alla mostra è gratuito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here