In punta di piedi al Teatro dell’Orologio


Da oggi al 20 marzo, al Teatro dell’Orologio, va in scena: “In punta di piedi”, a dieci anni dal debutto assoluto. In punta di piedi nasce dall’intreccio di tre tematiche: Firenze, l’adolescenza e il calcio, e dai ricordi persistenti degli anni Ottanta, ancora troppo vicini per guardarli come una vecchia fotografia e lontani abbastanza per avvertirne sulla pelle la ferocia della memoria.

Un adolescente e l’ossessione di una generazione, un fanatismo lungo un secolo: il gioco del calcio. la forza di un simbolo, quello calcistico, che è stato in grado di unire migliaia di corpi in una sola e unica anima. Troppe poche altre realtà sono riuscite, in questo lungo ‘900, a spingersi così in profondità nella ritualità. Il calcio ha vinto. Ha stra-vinto. Ma con il passare del tempo, degli anni, qualcosa in questa ritualità si è rotto, il potere delle televisioni e dei mass media ne hanno deturpato la genuinità e gli anni Ottanta hanno immortalato la parabola finale di un calcio ritualizzato che stava per consegnarsi alla luce accecante della spettacolarizzazione mediatica. Niente sarebbe più stato lo stesso.
Questi sono gli anni di Mastino, il protagonista di questo monologo: gli anni della marcatura ad uomo, dei duelli corpo a corpo e dei numeri sulle maglie a fissare ruoli ben precisi.
È una domenica mattina qualunque, in un qualunque campetto di periferia toscano, di quelli dove l’erba non cresce mai. Mastino vorrebbe giocare, ma il mister lo relega, come sempre, in panchina. Come giocatore è piuttosto scarso e frequenti sono le occasioni in cui gli viene fatta notare la sua inattitudine al gioco del calcio, ma come spesso accade a diciotto anni, certe verità sono piuttosto faticose da capire e, ancor più, da accettare. A diciotto anni fuori dal calcio spesso può voler dire fuori dal giro, il giro giusto, che ti fa sentire parte di un tutto, a scuola come a passeggio per i quartieri della città.
Dalla panchina Mastino vive l’agonia di un’ennesima, lunghissima domenica da escluso.

Produzione Biancofango.

Luogo: Teatro dell’Orologio Sala Gassman, via dè Filippini 17/a

Orari: da martedì a sabato ore 20:00. Domenica ore 17:00

Prezzi: Intero 15 euro, ridotto euro 12 ( più tessere associativa annuale euro3)

Info e prenotazioni: La prenotazione è vivamente consigliata 06 6875550
biglietteria@teatroorologio.com
le prenotazioni possono essere effettuate dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 19:00


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here