Champions, da Vidal fino a Boateng è rabbia per i “furti” Real


Champions, da Vidal fino a Boateng è rabbia per i “furti” Real


Dall’ungherese Viktor Kassai al turco Cuneyt Çakir: passano gli anni, cambiano le stagioni, restano le medesime accuse. Il Real Madrid favorito, aiutato, spinto avanti con decisioni arbitrali discusse e discutibili. Di contro, avversari penalizzati. Che poi, da Kassai a Çakir, l’avversario è sempre lo stesso: il Bayern Monaco. Vittima un anno fa delle sciagurate decisioni del fischietto ungherese, ora dei mancati rigori non concessi dal collega turco. Il tutto nel catino del Bernabeu, luogo del “miedo escenico” che evidentemente agisce più sui direttori di gara che non sui giocatori ospiti dei merengues. Ieri sera ben tre rigori non concessi ai bavaresi, clamoroso in particolare quello non fischiato per il netto fallo di mano di Marcelo: succede così che si scatena la rabbia social dei giocatori del Bayern (da Boateng e Vidal in particolare) fino all’indignazione dei tifosi di mezzo mondo e alla rabbia della stampa “nemica”, quella catalana che parla di “finale conquistata in puro stile madridista” (Mundo Deportivo) e di “clamoroso rigore non fischiato” (Sport). Diatribe scontate, polemiche roventi che non cambiano la storia: il Real tira dritto e va a Kiev. Terza finale consecutiva, quarta negli ultimi cinque anni.

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here