Accetta un lavoro in Nigeria, chef veneto sequestrato con la moglie: “Senza soldi e documenti”


Accetta un lavoro in Nigeria, chef veneto sequestrato con la moglie: “Senza soldi e documenti”


Terribile esperienza a Lagos per Fabio Gibilisco che, assieme alla moglie Silvia, aveva accettato un lavoro in un ristorante di lusso: “Ci hanno pagato il biglietto, poi è cominciato l’incubo. Siamo riusciti a rientrare solo grazie all’aiuto di un giocane cuoco nigeriano. L’ambasciata italiana? Ci ha scaricato”.
Continua a leggere


Terribile esperienza a Lagos per Fabio Gibilisco che, assieme alla moglie Silvia, aveva accettato un lavoro in un ristorante di lusso: “Ci hanno pagato il biglietto, poi è cominciato l’incubo. Siamo riusciti a rientrare solo grazie all’aiuto di un giocane cuoco nigeriano. L’ambasciata italiana? Ci ha scaricato”.
Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here