Ragazza uccisa a coltellate dal suo rapitore in un commissariato. Poi incide le iniziali sul corpo


Ragazza uccisa a coltellate dal suo rapitore in un commissariato. Poi incide le iniziali sul corpo


Burulai Turdaaly Kyzy, una giovane kirghisa di 20 anni, è un’altra vittima dell’Ala kachuu o il “rapimento della sposa”, una pratica diffusa in tutto il Caucaso. La ragazza si era da poco laureata in medicina e ad agosto avrebbe sposato l’uomo che amava. Ma un pretendente rivale, dopo averla rapita per ben due volte allo scopo di costringerla a sposarlo, l’ha uccisa in un commissariato di polizia.
Continua a leggere


Burulai Turdaaly Kyzy, una giovane kirghisa di 20 anni, è un’altra vittima dell’Ala kachuu o il “rapimento della sposa”, una pratica diffusa in tutto il Caucaso. La ragazza si era da poco laureata in medicina e ad agosto avrebbe sposato l’uomo che amava. Ma un pretendente rivale, dopo averla rapita per ben due volte allo scopo di costringerla a sposarlo, l’ha uccisa in un commissariato di polizia.
Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here