Pugnalata a morte mentre aspettava il metrò: l’omicidio di Nia Wilson scuote l’America


Pugnalata a morte mentre aspettava il metrò: l’omicidio di Nia Wilson scuote l’America


La diciottenne afroamericana Nia Wilson è stata pugnalata a morte mentre era ferma sulla banchina del Metrò di Oakland ad aspettare il treno. Dopo l’agguato il killer si è avventato sulla sorella Latifah, salva per miracolo, per poi dileguarsi tra la folla. Per l’opinione pubblica americana si tratta di un crimine razziale, ma la polizia è cauta: “L’assassino aveva problemi psichiatrici”. Fiaccolate e manifestazioni ricordano la giovane rapper al grido di ‘Justice for Nia’.
Continua a leggere


La diciottenne afroamericana Nia Wilson è stata pugnalata a morte mentre era ferma sulla banchina del Metrò di Oakland ad aspettare il treno. Dopo l’agguato il killer si è avventato sulla sorella Latifah, salva per miracolo, per poi dileguarsi tra la folla. Per l’opinione pubblica americana si tratta di un crimine razziale, ma la polizia è cauta: “L’assassino aveva problemi psichiatrici”. Fiaccolate e manifestazioni ricordano la giovane rapper al grido di ‘Justice for Nia’.
Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here