Sparita nel nulla nel piazzale del convento, l’omicidio di Cristina Golinucci


Sparita nel nulla nel piazzale del convento, l’omicidio di Cristina Golinucci


“Ciao mamma, vado al convento da Padre Lino”, con queste parole la 21enne romagnola, Cristina Golinucci saluta mamma Marisa prima di uscire, il 1° settembre 1992. Non tornerà a casa mai più. Tre anni dopo padre Lino ai carabinieri: “So chi ha ucciso Cristina”, ma il presunto colpevole non viene incriminato. Dopo 26 anni mamma Marisa non si arrende: “Ho diritto almeno alle ossa di mia figlia, sono in quel convento: trovatele”.
Continua a leggere


“Ciao mamma, vado al convento da Padre Lino”, con queste parole la 21enne romagnola, Cristina Golinucci saluta mamma Marisa prima di uscire, il 1° settembre 1992. Non tornerà a casa mai più. Tre anni dopo padre Lino ai carabinieri: “So chi ha ucciso Cristina”, ma il presunto colpevole non viene incriminato. Dopo 26 anni mamma Marisa non si arrende: “Ho diritto almeno alle ossa di mia figlia, sono in quel convento: trovatele”.
Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here