Sara: “Mi hanno violentata con un fucile”. Lo stupro come arma di guerra in Sud Sudan


Sara: “Mi hanno violentata con un fucile”. Lo stupro come arma di guerra in Sud Sudan


In un anno sono stati quasi 2.300 i casi violenza di genere nel Paese più giovane del mondo, il 13% dei quali stupri. “Sono entrati in casa e hanno abusato di me con un fucile” racconta Sara, oggi accolta nel campo di Palabek, in Uganda, proprio come Louise. “Dopo la violenza ho preso la candida e mi sono seriamente ammalata con un cancro al sangue”. Helen, 28 anni: “Non sono riuscita a chiedermi “perchè proprio a me?” Ho solo subito e poi ho cercato di salvarmi”
Continua a leggere


In un anno sono stati quasi 2.300 i casi violenza di genere nel Paese più giovane del mondo, il 13% dei quali stupri. “Sono entrati in casa e hanno abusato di me con un fucile” racconta Sara, oggi accolta nel campo di Palabek, in Uganda, proprio come Louise. “Dopo la violenza ho preso la candida e mi sono seriamente ammalata con un cancro al sangue”. Helen, 28 anni: “Non sono riuscita a chiedermi “perchè proprio a me?” Ho solo subito e poi ho cercato di salvarmi”
Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here