Julian Assange, spiato dentro l’ambasciata e ricattato: 3 milioni per non rivelare i suoi segreti


Julian Assange, spiato dentro l’ambasciata e ricattato: 3 milioni per non rivelare i suoi segreti


Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, era spiato all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra da almeno due anni. Un giornalista spagnolo, assieme ad alcuni complici, ha chiesto al celebre attivista 3 milioni di euro per non rendere pubblici video, telefonate e messaggi riservati che lo riguardavano. Una spy story che si è conclusa con l’arresto del reporter e di un suo collaboratore.
Continua a leggere


Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, era spiato all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra da almeno due anni. Un giornalista spagnolo, assieme ad alcuni complici, ha chiesto al celebre attivista 3 milioni di euro per non rendere pubblici video, telefonate e messaggi riservati che lo riguardavano. Una spy story che si è conclusa con l’arresto del reporter e di un suo collaboratore.
Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here