La sindaca leghista mette al bando i negozi etnici e fa il pieno di like: “Monfalcone non è la Mecca”


La sindaca leghista mette al bando i negozi etnici e fa il pieno di like: “Monfalcone non è la Mecca”


Anna Cisint, sindaca leghista di Monfalcone, mette al bando una serie di attività considerate “etniche”. Money change, phone center, internet point, money transfer, sale giochi e centri scommesse, locali di pubblico spettacolo e centri massaggio saranno vietati a partire da ora dal centro storico. Entusiasti i suoi sostenitori: “Brava Sindaca, Monfalcone non è la Mecca”.
Continua a leggere


Anna Cisint, sindaca leghista di Monfalcone, mette al bando una serie di attività considerate “etniche”. Money change, phone center, internet point, money transfer, sale giochi e centri scommesse, locali di pubblico spettacolo e centri massaggio saranno vietati a partire da ora dal centro storico. Entusiasti i suoi sostenitori: “Brava Sindaca, Monfalcone non è la Mecca”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here