Caos treni, indagini per attentato alla sicurezza: “In quel punto non ci sono telecamere”


Caos treni, indagini per attentato alla sicurezza: “In quel punto non ci sono telecamere”


L’obiettivo degli incendi da natura dolosa appiccati ieri a tre pozzetti nei pressi del nodo ferroviario di Firenze sarebbero stati scelti perché in quel punto non ci sono telecamere. Lo ha dichiarato l’ingegnere Daniele Moretti, direttore della circolazione di Rfi, mentre continuano le indagini per attentato alla sicurezza dei trasporti e accertamenti sulla pista anarchica.
Continua a leggere


L’obiettivo degli incendi da natura dolosa appiccati ieri a tre pozzetti nei pressi del nodo ferroviario di Firenze sarebbero stati scelti perché in quel punto non ci sono telecamere. Lo ha dichiarato l’ingegnere Daniele Moretti, direttore della circolazione di Rfi, mentre continuano le indagini per attentato alla sicurezza dei trasporti e accertamenti sulla pista anarchica.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here