Bimbo segregato in Sardegna, urla demoniache e docce gelate per terrorizzarlo


Bimbo segregato in Sardegna, urla demoniache e docce gelate per terrorizzarlo


Voci distorte a simulare suoni demoniaci per terrorizzare il ragazzino e per ricordargli che sarebbe andato all’inferno. Sono alcuni degli agghiaccianti particolari emersi dall’inchiesta sul minore segregato in una villetta di Arzachena, in Sardegna, e per il quale nelle corse ore è stata arrestata la zia, già indagata dopo l’arresto dei genitori.
Continua a leggere


Voci distorte a simulare suoni demoniaci per terrorizzare il ragazzino e per ricordargli che sarebbe andato all’inferno. Sono alcuni degli agghiaccianti particolari emersi dall’inchiesta sul minore segregato in una villetta di Arzachena, in Sardegna, e per il quale nelle corse ore è stata arrestata la zia, già indagata dopo l’arresto dei genitori.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here