Caso Regeni, i pm: “Dall’Egitto 4 depistaggi. Torturato con mazze e pugni, anche autopsia era falsa”


Caso Regeni, i pm: “Dall’Egitto 4 depistaggi. Torturato con mazze e pugni, anche autopsia era falsa”


Il sostituto procuratore Sergio Colaiocco e il procuratore facente funzioni di Roma, Michele Prestipino, hanno spiegato che l’Egitto ha messo in atto almeno quattro depistaggi per sviare le indagini sulla morte di Giulio Regeni, depistaggi scoperti però dagli inquirenti italiani. Il ricercatore era stato stretto in una “ragnatela” da parte dei servizi segreti de Il Cairo.
Continua a leggere


Il sostituto procuratore Sergio Colaiocco e il procuratore facente funzioni di Roma, Michele Prestipino, hanno spiegato che l’Egitto ha messo in atto almeno quattro depistaggi per sviare le indagini sulla morte di Giulio Regeni, depistaggi scoperti però dagli inquirenti italiani. Il ricercatore era stato stretto in una “ragnatela” da parte dei servizi segreti de Il Cairo.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here