WhatsApp, creare una chat per segnalare i posti di blocco della polizia non è un reato


WhatsApp, creare una chat per segnalare i posti di blocco della polizia non è un reato


Così ha deciso il giudice per le indagini preliminari nell’inchiesta che vedeva indagati 49 ragazzi che avevano creato una chat in cui si avvisava regolarmente sulla presenza delle forze dell’ordine per strada. Nessuna interruzione del servizio pubblico, e quindi nessun reato. Ma attenzione: non è sempre così.
Continua a leggere


Così ha deciso il giudice per le indagini preliminari nell’inchiesta che vedeva indagati 49 ragazzi che avevano creato una chat in cui si avvisava regolarmente sulla presenza delle forze dell’ordine per strada. Nessuna interruzione del servizio pubblico, e quindi nessun reato. Ma attenzione: non è sempre così.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here