Coronavirus, preside cita la peste dei Promessi sposi e scrive agli studenti: “Preserviamo umanità”


Coronavirus, preside cita la peste dei Promessi sposi e scrive agli studenti: “Preserviamo umanità”


Il preside del liceo Volta di Milano ha scritto una lettera ai suoi studenti, in questo momento a casa per via della chiusura di tutte le scuole a causa dell’emergenza Coronavirus. Il preside ha citato un brano dei Promessi sposi sulla peste di Milano del 1630: “Dentro quelle pagine c’è già tutto, la certezza della pericolosità degli stranieri, lo scontro violento tra le autorità, la ricerca spasmodica del cosiddetto paziente zero, il disprezzo per gli esperti, la caccia agli untori, le voci incontrollate, i rimedi più assurdi, la razzia dei beni di prima necessità, l’emergenza sanitaria”. Poi l’invito a “mantenere il sangue freddo”: “Usiamo il pensiero razionale di cui è figlia per preservare il bene più prezioso che possediamo, il nostro tessuto sociale, la nostra umanità. Se non riusciremo a farlo la peste avrà vinto davvero”.
Continua a leggere


Il preside del liceo Volta di Milano ha scritto una lettera ai suoi studenti, in questo momento a casa per via della chiusura di tutte le scuole a causa dell’emergenza Coronavirus. Il preside ha citato un brano dei Promessi sposi sulla peste di Milano del 1630: “Dentro quelle pagine c’è già tutto, la certezza della pericolosità degli stranieri, lo scontro violento tra le autorità, la ricerca spasmodica del cosiddetto paziente zero, il disprezzo per gli esperti, la caccia agli untori, le voci incontrollate, i rimedi più assurdi, la razzia dei beni di prima necessità, l’emergenza sanitaria”. Poi l’invito a “mantenere il sangue freddo”: “Usiamo il pensiero razionale di cui è figlia per preservare il bene più prezioso che possediamo, il nostro tessuto sociale, la nostra umanità. Se non riusciremo a farlo la peste avrà vinto davvero”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here