Coronavirus, morto il partigiano Francesco Nezosi: non tradì nemmeno con una pistola puntata contro


Coronavirus, morto il partigiano Francesco Nezosi: non tradì nemmeno con una pistola puntata contro


Francesco Nezosi, staffetta partigiana, è morto all’età di 90 anni a seguito di complicanze legate al Coronavirus. L’anziano è una delle migliaia di vittime del Covid-19 in Lombardia, la regione d’Italia più martoriata dall’epidemia di Covid-19. A comunicare la notizia della sua scomparsa è stato il presidente della sezione provinciale di Bergamo dell’Anpi, Associazione nazionale partigiani d’Italia, Mauro Magistrati: “Il male che sta colpendo le nostre comunità, ci priva di un testimone lucido della battaglia di Fonteno e della vita delle Brigate partigiane della Val Calepio – Val Cavallina e dell’Alto Sebino”.
Continua a leggere


Francesco Nezosi, staffetta partigiana, è morto all’età di 90 anni a seguito di complicanze legate al Coronavirus. L’anziano è una delle migliaia di vittime del Covid-19 in Lombardia, la regione d’Italia più martoriata dall’epidemia di Covid-19. A comunicare la notizia della sua scomparsa è stato il presidente della sezione provinciale di Bergamo dell’Anpi, Associazione nazionale partigiani d’Italia, Mauro Magistrati: “Il male che sta colpendo le nostre comunità, ci priva di un testimone lucido della battaglia di Fonteno e della vita delle Brigate partigiane della Val Calepio – Val Cavallina e dell’Alto Sebino”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here