Coronavirus, petizione contro il trasferimento di 40 contagiati ad Eboli. Ma questa non è civiltà


Coronavirus, petizione contro il trasferimento di 40 contagiati ad Eboli. Ma questa non è civiltà


Parte della popolazione di Eboli, e alcuni rappresentati delle sue istituzioni, fronteggiano aspramente il trasferimento di 40 pazienti positivi al Coronavirus da Sala Consilina, in provincia di Salerno, voluto dall’Unità di crisi della Regione Campania, al Campolongo Hospital della città. A sostegno della loro contestazione, la Fisi (Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali) e il Comitato per la tutela della salute pubblica, hanno indetto una raccolta firme online per evitare che la decisione diventi effettiva, dimenticandosi dei principi base della civiltà. Qui si fa l’Italia. O, almeno, si dovrebbe.
Continua a leggere


Parte della popolazione di Eboli, e alcuni rappresentati delle sue istituzioni, fronteggiano aspramente il trasferimento di 40 pazienti positivi al Coronavirus da Sala Consilina, in provincia di Salerno, voluto dall’Unità di crisi della Regione Campania, al Campolongo Hospital della città. A sostegno della loro contestazione, la Fisi (Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali) e il Comitato per la tutela della salute pubblica, hanno indetto una raccolta firme online per evitare che la decisione diventi effettiva, dimenticandosi dei principi base della civiltà. Qui si fa l’Italia. O, almeno, si dovrebbe.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here