Morto di Coronavirus a Napoli, parla la moglie: “È un mostro che ti mangia il respiro”


Morto di Coronavirus a Napoli, parla la moglie: “È un mostro che ti mangia il respiro”


“Arturo si è aggravato dieci giorni dopo i sintomi”. Lo racconta a Fanpage.it la moglie Nunzia Longobardi. “Mio marito non aveva patologie pregresse gravi. Era sempre attentissimo all’igiene. Dai primi di febbraio non era mai quasi uscito di casa. Solo un paio di volte per andare al supermercato. Ora siamo distrutti”. Anche i familiari ora sono in isolamento.
Continua a leggere


“Arturo si è aggravato dieci giorni dopo i sintomi”. Lo racconta a Fanpage.it la moglie Nunzia Longobardi. “Mio marito non aveva patologie pregresse gravi. Era sempre attentissimo all’igiene. Dai primi di febbraio non era mai quasi uscito di casa. Solo un paio di volte per andare al supermercato. Ora siamo distrutti”. Anche i familiari ora sono in isolamento.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here