Cassazione: i bambini nati tramite maternità surrogata non possono essere discriminati


Cassazione: i bambini nati tramite maternità surrogata non possono essere discriminati


Sarà la Corte Costituzionale a sancire se sia legittimo il divieto di trascrivere, nell’atto anagrafico di un bambino nato all’estero con una pratica di gestazione per altri, il nome del secondo papà. Secondo gli ermellini, non riconoscere i figli di due padri o di due madri, venuti al mondo tramite maternità surrogata, è un “declassamento delle relazioni genitoriali”.
Continua a leggere


Sarà la Corte Costituzionale a sancire se sia legittimo il divieto di trascrivere, nell’atto anagrafico di un bambino nato all’estero con una pratica di gestazione per altri, il nome del secondo papà. Secondo gli ermellini, non riconoscere i figli di due padri o di due madri, venuti al mondo tramite maternità surrogata, è un “declassamento delle relazioni genitoriali”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here