Vigile in mutande assolto a Sanremo, motivazioni sentenza: “Timbrare in slip non è reato”


Vigile in mutande assolto a Sanremo, motivazioni sentenza: “Timbrare in slip non è reato”


Sono state depositate le motivazioni con le quali il giudice ha spiegato perché decise di assolvere dieci impiegati del Comune di Sanremo, presunti furbetti del cartellino fra i quali il celebre vigile in mutande: “La timbratura in abiti succinti non costituisce neppure un indizio di illiceità penale e ha una sua spiegazione logica”.
Continua a leggere


Sono state depositate le motivazioni con le quali il giudice ha spiegato perché decise di assolvere dieci impiegati del Comune di Sanremo, presunti furbetti del cartellino fra i quali il celebre vigile in mutande: “La timbratura in abiti succinti non costituisce neppure un indizio di illiceità penale e ha una sua spiegazione logica”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here