Tocilizumab non efficace sui pazienti Covid trattati in fase precoce, l’Aifa ferma i test


Tocilizumab non efficace sui pazienti Covid trattati in fase precoce, l’Aifa ferma i test


Secondo l’Agenzia italiana del Farmaco non c’è nessun beneficio per i pazienti Covid trattati in fase precoce con Tocilizumab. Per questo la sperimentazione i corso in Italia si è conclusa dopo l’arruolamento di 126 pazienti, un terzo di quelli previsti. “Il farmaco non ha mostrato alcun beneficio nei pazienti trattati né in termini di aggravamento né per quanto riguarda la sopravvivenza” spiegano da Aifa.
Continua a leggere


Secondo l’Agenzia italiana del Farmaco non c’è nessun beneficio per i pazienti Covid trattati in fase precoce con Tocilizumab. Per questo la sperimentazione i corso in Italia si è conclusa dopo l’arruolamento di 126 pazienti, un terzo di quelli previsti. “Il farmaco non ha mostrato alcun beneficio nei pazienti trattati né in termini di aggravamento né per quanto riguarda la sopravvivenza” spiegano da Aifa.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here