Rientrati da Malta, aspettano il tampone da una settimana: l’odissea di due modenesi


Rientrati da Malta, aspettano il tampone da una settimana: l’odissea di due modenesi


Sono stati in vacanza a Malta dal 13 al 22 agosto scorso, premurandosi di mettersi in contatto con la propria Ausl di riferimento quando erano ancora all’estero pur di riuscire a fare il tampone, come imposto per i rientranti da alcuni Paesi a rischio dal Ministero della Salute, eppure, a distanza di una settimana dal ritorno in Italia, non sono ancora stati sottoposti al test. È la disavventura che ha per protagonista una giovane coppia di Modena, preoccupata dell’eventuali conseguenze di un ritardo del genere. Rientrati in Italia all’aeroporto di Bergamo, i due sono dovuti tornare a lavoro, anche perchè non è prevista alcuna quarantena fino all’esito del test. Con loro abbiamo provato a rimetterci in contatto con l’Ausl di Modena, ma senza successo.
Continua a leggere


Sono stati in vacanza a Malta dal 13 al 22 agosto scorso, premurandosi di mettersi in contatto con la propria Ausl di riferimento quando erano ancora all’estero pur di riuscire a fare il tampone, come imposto per i rientranti da alcuni Paesi a rischio dal Ministero della Salute, eppure, a distanza di una settimana dal ritorno in Italia, non sono ancora stati sottoposti al test. È la disavventura che ha per protagonista una giovane coppia di Modena, preoccupata dell’eventuali conseguenze di un ritardo del genere. Rientrati in Italia all’aeroporto di Bergamo, i due sono dovuti tornare a lavoro, anche perchè non è prevista alcuna quarantena fino all’esito del test. Con loro abbiamo provato a rimetterci in contatto con l’Ausl di Modena, ma senza successo.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here