Batterio killer a Verona, sospesi tre medici dopo la morte di 4 neonati per Citrobacter


Batterio killer a Verona, sospesi tre medici dopo la morte di 4 neonati per Citrobacter


Sono tre i medici dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento a Verona sospesi in seguito alla vicenda legata al batterio killer Citrobacter, trovato annidato nel rubinetto dell’acqua utilizzata dal personale della Terapia intensiva neonatale e anche nei biberon, che avrebbe ucciso 4 neonati. Destinatari del provvedimento, che ha validità a partire da oggi, sabato 5 settembre, sono Chiara Bovo, Direttore Sanitario dell’Azienda ospedaliera di Verona, Giovanna Ghirlanda, Direttore Medico della struttura, e Paolo Biban, Direttore della Pediatria.
Continua a leggere


Sono tre i medici dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento a Verona sospesi in seguito alla vicenda legata al batterio killer Citrobacter, trovato annidato nel rubinetto dell’acqua utilizzata dal personale della Terapia intensiva neonatale e anche nei biberon, che avrebbe ucciso 4 neonati. Destinatari del provvedimento, che ha validità a partire da oggi, sabato 5 settembre, sono Chiara Bovo, Direttore Sanitario dell’Azienda ospedaliera di Verona, Giovanna Ghirlanda, Direttore Medico della struttura, e Paolo Biban, Direttore della Pediatria.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here