Teatro Vittoria: apertura 1° ottobre con “STORIA DE ROMA NOSTRA”


Dall’1 all’11 ottobre 2020

Attori & Tecnici
presenta

STORIA DE ROMA NOSTRA
dal poema “Storia Nostra” di Cesare Pascarella di Toni Fornari con Stefano Messina, Toni Fornari, Emanuela Fresi, Roberta Albanesi, Andrea Rizzoli – musiche Stefano Fresi – versi canzoni Toni Fornari – coreografie Simone Leonardi – regia Stefano Messina. La canzone de “i sette Re di Roma” è di Pino Cangialosi

Avete mai assistito ad una lezione di storia seduti al tavolo di un’osteria nella Roma di fine ‘800? Questo accade in “Storia de Roma nostra”, spettacolo tratto dal poema in versi “Storia Nostra” di Cesare Pascarella, dove un gruppo di popolani ci raccontano la storia d’Italia partendo dalla fondazione di Roma fino ad arrivare ai giorni dell’unità d’Italia.
È una storia raccontata con una forte carica ironica, condita dalla fervida fantasia del poeta romano, ma che segue passo passo la veridicità storica.

I versi del poema sono arricchiti da canzoni scritte da Toni Fornari su musiche originali di Stefano Fresi che verranno cantate dal vivo e saranno arricchite da movimenti coreografici di Simone Leonardi, facendone così una piccola commedia musicale.

Un modo originale di raccontare l’Italia unendo storia, musica e divertimento, nel 150°anno dell’annessione di Roma allo Stato italiano.

Dall’1 all’11 ottobre 2020 (h 21.00, domenica 4 e 11 h 17.30, mercoledì 7 h 17.00)
TEATRO VITTORIA – ATTORI & TECNICI _ Piazza S. Maria Liberatrice 10, Roma (Testaccio)
Botteghino: 06 5740170 – 06 5740598
Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it
Come arrivare: Metro: Piramide; Bus: 170, 781, 83, 3
Comunicazione: info@teatrovittoria.it e uffstampa@teatrovittoria.it
Responsabile Ufficio Stampa: Teresa Bartoli 348.7932811 – ter.bartoli@gmail.com
Biglietti
– intero: platea € 30, galleria € 24
– ridotto (under 26/over 65): platea € 23, galleria € 20
– bambini (under 12): platea € 15, galleria € 14

L’articolo Teatro Vittoria: apertura 1° ottobre con “STORIA DE ROMA NOSTRA” proviene da Viva il teatro.



Fonte:Viva il teatro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here