Pescara, prende ago e filo e si cuce la bocca dopo un litigio in un Centro d’accoglienza


Pescara, prende ago e filo e si cuce la bocca dopo un litigio in un Centro d’accoglienza


Dopo un violento litigio con un altro ospite di una struttura d’accoglienza, un 33enne di origine tunisina ha preso ago e filo e si cuce la bocca. È stato subito soccorso dai medici per poi essere trasportato all’ospedale di Pescara, dove verrà sottoposto a ulteriori accertamenti e a una perizia psichiatrica.
Continua a leggere


Dopo un violento litigio con un altro ospite di una struttura d’accoglienza, un 33enne di origine tunisina ha preso ago e filo e si cuce la bocca. È stato subito soccorso dai medici per poi essere trasportato all’ospedale di Pescara, dove verrà sottoposto a ulteriori accertamenti e a una perizia psichiatrica.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here