Assassinò la fidanzata 16enne: Lucio Marzo chiede di lavorare fuori dal carcere


Assassinò la fidanzata 16enne: Lucio Marzo chiede di lavorare fuori dal carcere


Dopo soli tre anni di detenzione, Lucio Marzo, il giovane assassino della fidanzata Noemi Durini, chiede di lavorare fuori dal carcere. Per la Legge ne ha diritto, in quanto condannato per il delitto, che ha confessato, quando era minore di 18 anni. La polemica: “Non ha mai compreso la gravità di quanto ha fatto, si rischia la devittimizzazione della povera Noemi”.
Continua a leggere


Dopo soli tre anni di detenzione, Lucio Marzo, il giovane assassino della fidanzata Noemi Durini, chiede di lavorare fuori dal carcere. Per la Legge ne ha diritto, in quanto condannato per il delitto, che ha confessato, quando era minore di 18 anni. La polemica: “Non ha mai compreso la gravità di quanto ha fatto, si rischia la devittimizzazione della povera Noemi”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here