“Mi vorrebbe morto, ho reagito per mia madre”. Il chirurgo di Torino racconta il suo incubo

“Mi vorrebbe morto, ho reagito per mia madre”. Il chirurgo di Torino racconta il suo incubo


Il padre aveva pagato un uomo per picchiarlo e spezzargli le dita. A Fanpage.it parla il chirurgo di Torino perseguitato dal genitore che da anni lo stalkera perché omosessuale. “La parentela è passata ormai in secondo piano. Ho reagito per salvare mia madre, ma continuerà a darci il tormento. Non è ancora finita”.
Continua a leggere


Il padre aveva pagato un uomo per picchiarlo e spezzargli le dita. A Fanpage.it parla il chirurgo di Torino perseguitato dal genitore che da anni lo stalkera perché omosessuale. “La parentela è passata ormai in secondo piano. Ho reagito per salvare mia madre, ma continuerà a darci il tormento. Non è ancora finita”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here