Roberto, ucciso dal coronavirus a 40 anni: si era negativizzato ma il virus gli ha distrutto i polmoni


Roberto, ucciso dal coronavirus a 40 anni: si era negativizzato ma il virus gli ha distrutto i polmoni


Quello di Roberto Villotta è stato un lungo calvario iniziato quando gli è stato diagnosticato un tumore e proseguito quando è rimasto contagiato dal coronavirus.  Il quarantenne veneto pare si stesse riprendendo dalla malattia quando è arrivato il virus a dargli il colpo letale. La malattia gli ha compromesso irrimediabilmente i polmoni uccidendolo.
Continua a leggere


Quello di Roberto Villotta è stato un lungo calvario iniziato quando gli è stato diagnosticato un tumore e proseguito quando è rimasto contagiato dal coronavirus.  Il quarantenne veneto pare si stesse riprendendo dalla malattia quando è arrivato il virus a dargli il colpo letale. La malattia gli ha compromesso irrimediabilmente i polmoni uccidendolo.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here