Catania, assegnate dopo 25 anni le case popolari nel palazzo che fu simbolo della mafia


Catania, assegnate dopo 25 anni le case popolari nel palazzo che fu simbolo della mafia


Graduatorie che ci mettono anni per scorrere, case troppo piccole per nuclei familiari che devono rispondere ai bisogni di figli con disabilità, errori nella consegna delle chiavi. E, sullo sfondo, la storia di un edificio appaltato nel 1981 e completato dopo quarant’anni. Il Palazzo di cemento di Librino, alla periferia Sud di Catania, è finalmente diventato quello che avrebbe dovuto essere: un complesso di alloggi popolari. Dopo ritardi che sembravano prolungarsi all’infinito.
Continua a leggere


Graduatorie che ci mettono anni per scorrere, case troppo piccole per nuclei familiari che devono rispondere ai bisogni di figli con disabilità, errori nella consegna delle chiavi. E, sullo sfondo, la storia di un edificio appaltato nel 1981 e completato dopo quarant’anni. Il Palazzo di cemento di Librino, alla periferia Sud di Catania, è finalmente diventato quello che avrebbe dovuto essere: un complesso di alloggi popolari. Dopo ritardi che sembravano prolungarsi all’infinito.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here