Club FKK in Germania: cosa aspettarsi da un sauna club


3.500. Questo è il numero di bordelli legali sparsi per tutta la Germania. Tra questi, 500 nella sola Berlino, secondo le stime dell’associazione Erotik Gewerbe Deutschland (UEGD), l’ente che rappresenta gli interessi del settore. In circa quindici anni, la Germania è diventata il più grande mercato di bordelli e prostituzione in Europa.

Questi “Centri dell’Eros” – bordelli – così come la prostituzione e il commercio del sesso sono stati legalizzati in Germania dalla legge sulla prostituzione del 2002 approvata dai socialdemocratici e dai verdi. Questa legislazione, che dovrebbe fornire sicurezza, protezione e autonomia alle lavoratrici del sesso, consente loro di beneficiare dei diritti sociali e di citare in giudizio il loro datore di lavoro, ad esempio in caso di mancato pagamento del loro salario. La legge ha così conferito alle prostitute un vero status professionale. Ma ha anche depenalizzato il pappone creando uno status di “imprenditore del sesso” per i gestori di bordelli.

Tuttavia c’è molta confusione su cosa aspettarsi dai club FKK tedeschi, soprattutto tra i turisti e gli uomini d’affari che viaggiano dall’estero. La maggior parte di questa confusione deriva dall’associazione con il termine quasi analogo, Freikrperkultur.

Freikrperkultur (FKK) è un movimento tedesco il cui nome si traduce come “Cultura del corpo libero” e viene ovviamente praticata anche all’interno delle saune propriamente dette, che però differiscono dai Club FKK con sauna. In queste località indossare un costume da bagno – o anche solo un asciugamano – non è solo un grande passo falso; in alcune terme locali, è persino vietato. E sebbene all’inizio possa sembrare imbarazzante e scomodo, entrare in una sauna pubblica nudi è un’esperienza rilassante e culturalmente interessante che tutti i viaggiatori giunti a Berlino dovrebbero provare almeno una volta.

Perché si crea questo equivovo? Perché è esattamente quello a cui servono, ovvero a fare la sauna, la trattativa del sesso è opzionale, permessa e legale, ma non condizione necessaria per accedere a questi club. Ad esempio, l’enorme club berlinese FKK Artemis, tra i primi cinque nella classifica dei migliori club berlinesi redatta da Gnoccatravels, è forse il club sauna più popolare in Germania. È stato aperto a un costo enorme e aperto nel 2005. Artemis è uno dei tanti club FKK che hanno preso d’assalto l’industria del sesso tedesca dalla sua legalizzazione nel 2002.

Ecco cosa bisogna sapere

Prima di tutto, essere nudi in pubblico in Germania non è un grosso problema. All’inizio può apparire sicuramente uno shock culturale, ma dal numero di nudisti che prendono abitualmente il sole nei parchi si capisce subito che a Berlino non si può sopravvivere come puritani per molto tempo. In Germania, il Freikörperkultur (FKK), o come lo conosciamo noi, il nudismo, è un tesoro nazionale, un po’ come la birra e i lederhosen. Lasciar passare tutto non è sessuale, e di certo non c’è nulla di cui vergognarsi. E quando si tratta di saune, la logica tedesca è che essere nudi è più salutare. Vestiti o asciugamani possono impedire a tossine e batteri di lasciare il corpo, per non parlare del surriscaldamento.

Non violare mai le leggi inespresse sull’etichetta

La sauna è uno spazio sacro con poche regole non dichiarate (e se c’è qualcosa di cui i tedeschi sono appassionati, è seguire la condotta). Prima di entrare dovresti sempre farti una doccia. Altrimenti, potresti ricevere un rimprovero dal Saunameister (l’impiegato dal club che ha il compito di assicurarsi che tutti si divertano). Le donne sono nude ma l’ospite dovrà arrivare munito di asciugamano.

Attenzione alla scelta degli alcolici: alcune donne prendono una percentuale sulle consumazioni, sarà quindi ovvio che preferirà lo champagne all’acqua tonica.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here