Delitto di Reggio Emilia, i vicini di casa: “Inimmaginabile che Marco abbia fatto una cosa così”


Delitto di Reggio Emilia, i vicini di casa: “Inimmaginabile che Marco abbia fatto una cosa così”


“Sabrina è una donna straordinaria, si è offerta di aiutarci nel momento del bisogno. Il figlio? Inimmaginabile che possa commettere un crimine del genere”. A parlare sono i vicini di casa e amici di Sabrina Guidetti e Paolo Eletti, trovati massacrati nella loro abitazione nel pomeriggio di sabato 24 aprile. A dare l’allarme è stato il figlio 33enne, lo scrittore di thriller Marco Eletti, che in poche ore si è trasformato nel sospettato numero uno. Secondo la pm Piera Giannusa, l’uomo avrebbe inscenato una lite familiare sfociata in tragedia, massacrando il padre e simulando il suicidio della madre, salvo poi contraddirsi diverse volte durante l’interrogatorio. L’unica testimone dei fatti, Sabrina Guidetti si trova ricoverata all’ospedale di Reggio Emilia in coma farmacologico.
Continua a leggere


“Sabrina è una donna straordinaria, si è offerta di aiutarci nel momento del bisogno. Il figlio? Inimmaginabile che possa commettere un crimine del genere”. A parlare sono i vicini di casa e amici di Sabrina Guidetti e Paolo Eletti, trovati massacrati nella loro abitazione nel pomeriggio di sabato 24 aprile. A dare l’allarme è stato il figlio 33enne, lo scrittore di thriller Marco Eletti, che in poche ore si è trasformato nel sospettato numero uno. Secondo la pm Piera Giannusa, l’uomo avrebbe inscenato una lite familiare sfociata in tragedia, massacrando il padre e simulando il suicidio della madre, salvo poi contraddirsi diverse volte durante l’interrogatorio. L’unica testimone dei fatti, Sabrina Guidetti si trova ricoverata all’ospedale di Reggio Emilia in coma farmacologico.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here