L’incubo di Malika, cacciata di casa dai genitori perché gay: “Sei la nostra rovina”


L’incubo di Malika, cacciata di casa dai genitori perché gay: “Sei la nostra rovina”


La denuncia di Malika, 22 anni, di origini toscane, arriva dritta come una pallottola. Vittima di odio di natura omofobico da parte dei genitori, è stata cacciata di casa a inizio gennaio per aver dichiarato di essersi fidanzata con una ragazza. “Mi hanno augurato un tumore, mi hanno detto che faccio schifo, che preferiscono una figlia drogata che lesbica e poi mi hanno cacciata di casa, cambiando la serratura della porta. Non ho nemmeno fatto in tempo a recuperare i miei vestiti e i miei effetti personali. Ho perso tutto, ma non mi pento di aver detto chi sono”.
Continua a leggere


La denuncia di Malika, 22 anni, di origini toscane, arriva dritta come una pallottola. Vittima di odio di natura omofobico da parte dei genitori, è stata cacciata di casa a inizio gennaio per aver dichiarato di essersi fidanzata con una ragazza. “Mi hanno augurato un tumore, mi hanno detto che faccio schifo, che preferiscono una figlia drogata che lesbica e poi mi hanno cacciata di casa, cambiando la serratura della porta. Non ho nemmeno fatto in tempo a recuperare i miei vestiti e i miei effetti personali. Ho perso tutto, ma non mi pento di aver detto chi sono”.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here