Ndrangheta in Toscana, volevano la testa di un funzionario: “Troppo onesto, rimuovetelo”


Ndrangheta in Toscana, volevano la testa di un funzionario: “Troppo onesto, rimuovetelo”


Ventitre arresti, decine di indagati. Tra loro il capo di gabinetto della Regione, il sindaco di Santa Croce e un consigliere regionale. Poi c’è lui, Alessandro Sanna, uno dei soggetti che per il sodalizio criminoso messo in piedi, secondo gli inquirenti da vertici del mondo conciario toscano e politica asservita avrebbe dovuto cambiare atteggiamento. O essere rimosso.
Continua a leggere


Ventitre arresti, decine di indagati. Tra loro il capo di gabinetto della Regione, il sindaco di Santa Croce e un consigliere regionale. Poi c’è lui, Alessandro Sanna, uno dei soggetti che per il sodalizio criminoso messo in piedi, secondo gli inquirenti da vertici del mondo conciario toscano e politica asservita avrebbe dovuto cambiare atteggiamento. O essere rimosso.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here